CUCINA E PRODOTTI TIPICI

CUCINA E PRODOTTI TIPICI

Moltissime sono le specialità culinarie pisticcesi a base di prodotti di prima qualità, coltivati sia nella pianura che nell’entroterra. La cucina è la tipica meridionale: piatti semplici della tradizione contadina con pasta fatta in casa, verdure e carne di maiale.

Ingredienti

Tra gli ingredienti più rinomati spicca l’anese, spezia nota come coriandolo, e il peperoncino in polvere, dolce o piccante a seconda dei gusti, ottenuto direttamente dalla molitura dei peperoni precedentemente essiccati.

Pane & Pasta

Il pane viene fatto con una farina proveniente da una varietà indigena di grano duro, il cosiddetto Cappelli che lo rende, opportunamente impastato anche con l’aggiunta di patate, particolarmente fragrante e capace di conservarsi diversi giorni.

I tipi di pasta tipici sono le tapparédde (a forma di rombo), i rucchélé (ruccoli, gnocchetti concavi), i tagghiariédde (tagliolini), maccheroni ai ferri e orecchiette, con sughi spesso insaporiti da cacciagione, una volta lepre e cinghiale, ma anche uccelletti prede della micciarola.

Tagliolini e ruccoli si prestano anche a piatti con verdure cotte. I ruccoli, in particolare, vengono impiegati per un piatto molto simile a quello pugliese degli strascinati e cime di rape, mentre i tagliolini vanno bene con i ceci, i fagioli o i piselli. Per non dire della cicerchia, leguminosa assai discussa, almeno nel vissuto popolare, per un’antica credenza che la vuole capace di far perdere la ragione.

Verdure

Le verdure tipiche sono fave e cicorie, i lambasciùne (cipolline). Questi ultimi sono dei bulbi selvatici che si scavano nel terreno usando una zappa lunga e stretta,” u zappudd’”.

Corrispondono presumibilmente alla pianta nota come muscaro: leggermente amarognoli, ricchi di proprietà sconosciute, digestivi, forse afrodisiaci, si cucinano e si conservano secondo diverse modalità, con l’olio fritto e l’aceto, con il peperoncino, impanati nell’uovo e così via.